Eventi e Attività

Domenica 22 marzo

Salotto d'autore e concerto in serata

dalle ore 17.00 | Inizio concerto alle 21.30

Ingresso libero!

Musica, mostre d'arte e rappresentazioni teatrali.

Parteciperanno: Gianfranco Cordì, autore della silloge “Eccomi qua” e Giuseppe Bagnato, autore del romanzo “Moira” (Disoblio Edizioni).
Conduce: Salvatore Bellantone (Editore).

Eccomi qua è una silloge poetica suddivisa in tre sezioni, “Chitarre rosse”, “Il cantante rimuginante” e “Left & Right”, che ha lo scopo di criticare in maniera serrata la società di massa e dei consumi, nello scenario della globalizzazione e della digitalizzazione dominanti il tempo presente. Ripercorrendo i personaggi, i temi e le questioni cruciali che dagli anni '70 del '900 sino ai giorni nostri hanno influito, decidendola, sulla società attuale, l'autore mette a fuoco quei luoghi cruciali, mediatici e intellettuali, in base ai quali occorre pensare l'insensatezza dominante la nuova era.

Gianfranco Cordì è nato a Locri (RC) l’8 maggio del 1970. Laureato in Filosofia presso l’Università degli Studi di Messina con una tesi dal titolo Ipotesi e limiti nell’epistemologia di Karl R. Popper, ha conseguito il Dottorato di Ricerca in “Pensiero politico e istituzioni nelle società mediterranee” presso l’Università degli Studi di Catania con una tesi intitolata Quale sinistra? Norberto Bobbio da “Quale socialismo?” (1976) a “Destra e sinistra” (1994) e il Master in “Epistemologia, interculturalità e comunicazione nel postmoderno” presso l’Università della Calabria. Nel corso della sua carriera ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti mediante saggi, poesie e racconti. Collabora con diverse riviste locali e nazionali e dirige le Tavole Rotonde di Filosofia del Centro Internazionale Scrittori della Calabria. Ha pubblicato: Kronos (Iriti, 1991), Globalizzazione e politica (Artemis, 2005), La differenza. 13 interviste, 2 articoli e 1 saggio (Città del Sole, 2006), Tracciati (Artemis, 2007), Il pianeta espropriato (Città del Sole, 2007), La ragione (Thomas Hobbes, Baruch Spinoza, Gottfried Wilhelm Leibniz) (Artemis, 2007), L’origine della filosofia (Leonida, 2010), Scritti (Lulu, 2012) e Per una critica della ragione industriale (Lulu, 2013). Attualmente vive a Reggio Calabria.

Moira: Un giovane innamorato degli alberi di ulivo e del mare sullo Stretto incontra una ragazza dagli occhi spenti in una casetta di montagna. Capisce di essere strettamente legato a lei, in maniera segreta, invisibile e incomprensibile. E questa consapevolezza si rafforza nel momento in cui la fanciulla scompare improvvisamente. Partendo assieme a Ciccio alla ricerca di Moira, il lettore si ritroverà immerso in un itinerario tra i paesaggi più incantevoli della Calabria, destinati a diventare una metafora dei pensieri e delle emozioni più nascoste alla propria coscienza. Raggelanti misteri e peripezie attendono Ciccio, ma anche insopportabili rivelazioni. E se la ricerca di Moira coincidesse con la scoperta della propria vera identità?

Giuseppe Bagnato è nato a Varapodio (RC) nel 1971, dove attualmente vive e svolge la professione di contadino. Ha già pubblicato Caino, Lucifero e il piccolo fioraio (2004) e Fiore Avvelenato (2008). Nel 2005 ha ricevuto la Targa Navi e Naviganti partecipando al “Premio Anoia Salvatore Gemelli”.

 

Creedence-web

LIVE - The Creedence

Nicola Rinaldi - Drum/Voice
Pierluigi Dato - Bass/Voice
Raffaele Guerrisi - Guitar
Rock '50 '60 ' 70 Blues Pop

I Creedence nascono a Palmi (RC) nel Gennaio del 2010 con Nicola Rinaldi alla batteria e voce, Pierluigi Dato al basso e voce, Giovanni Magazzù alla chitarra. La band si ispira al rock blues con influenze degli anni '50 '60 e '70. In passato Nicola Rinaldi e Giovanni Magazzù facevano parte di una band successivamente scioltasi. Dopo qualche tempo, i due si uniscono a Pierluigi Dato, dando vita così ai Creedence. La band ha un ottimo sound non aggressivo, attraente e facilmente ascoltabile, in due parole easy listening. Dopo tre anni di live, il chitarrista Magazzù sceglie di prendere un percorso diverso da quello iniziato con la band, ed al posto suo entra Raffaele Guerrisi, chitarrista con una spiccata propensione per il blues. I brani della Band sono sempre scelti per far sì che tutti, dai più giovani ai più adulti, possano apprezzare la buona musica live continuando a stare piacevolmente in compagnia. Il nome della band nasce dall’omaggio che la stessa ha voluto dare ai Creedence Clearwater Revival, nota formazione degli anni ’70, e dal loro repertorio sono stati estrapolati alcuni dei brani più conosciuti: "Have You Ever Seen The Rain", "Proud Mary", "Hey Tonight", "Fortunate Son", "Who’ll Stop The Rain", "Looking Out My Backdoor". Allo stesso tempo la formazione non ha voluto essere una cover band, inserendo così all’interno del proprio repertorio brani blues come "All Your Love", "Walking by Myself" di Gary Moore e brani rock come "All Right Now dei Free", "Helter Skelter" dei Beatles, "Born To Be Wild" degli Steppenwolf e numerosi altri brani di artisti che hanno fatto la storia della musica internazionale degli anni ’60-’70.

Newsletter